Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Acido Docosaesaenoico nei pazienti con retinite pigmentosa che assumono vitamina A


Ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston hanno valutato se l’Acido Docosaesaenoico ( DHA ) sia in grado di rallentare il decorso della degenerazione retinica nei sottogruppi dei pazienti con retinite pigmentosa, che stanno assumendo vitamina A.

Un gruppo di 208 pazienti con retinite pigmentosa, di età compresa tra 18 e 55 anni, sono stati assegnati in modo random a ricevere 1200 mg di Acido Docosaesaenoico associato a 15.000 UI/die di vitamina A ( Retinil palmitato ), oppure 15.000 UI/die di vitamina A ed acidi grassi ( gruppo controllo ).

Il periodo di follow-up è stato di 4 anni.

Il 70% dei pazienti in ciascun gruppo stava prendendo vitamina A ( 15.000 UI/die ) prima di iniziare lo studio.

Tra i pazienti che non stavano assumendo vitamina A prima dello studio, quelli trattati con DHA e vitamina A hanno presentato un rallentamento del declino della sensibilità del campo visivo e nell’ampiezza dell’elettroretinogramma rispetto al gruppo controllo nei primi 2 anni.
Queste differenze non sono state osservate al terzo e al quarto anno, o tra i pazienti che stavano assumendo vitamina A prima dello studio.

In tutti i pazienti il livello di acido docosaesaenoico fosfatidiletanolamina degli eritrociti era inversamente associato alla velocità di declino della sensibilità del campo visivo totale nell’arco di 4 anni.
Questa era particolarmente evidente nei primi 2 anni tra coloro che non assumevano vitamina A prima dello studio.

Nel gruppo di controllo, l’assunzione con la dieta di acidi grassi omega-3 era inversamente correlato a perdita della sensibilità del campo totale in 4 anni.

La durata della supplementazione a base di vitamina A prima dello studio era inversamente associata alla velocità di declino dell’ampiezza dell’elettroretinogramma.

Questo studio ha dimostrato che nei pazienti con retinite pigmentosa, l’aggiunta di Acido Docosaesaenoico ( 1200 mg/die ) alla vitamina A permette di rallentare il decorso della malattia per 2 anni.

Nei pazienti che già assumevano vitamina A per almeno 2 anni, una dieta ricca in acidi grassi omega-3 ( superiore o uguale a 0,20 g/die ) ha rallentato il declino della sensibilità del campo visivo.( Xagena2004 )

Berson EL et al, Arch Ophthalmol 2004; 122: 1306-1314

Oftalm2004 Farma2004


Indietro