XagenaNewsletter
Dermabase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione delle caratteristiche delle cicatrici corneali dopo cheratite fungina con acuità visiva


L'opacità corneale è una delle principali cause di disabilità visiva in tutto il mondo; tuttavia, le caratteristiche specifiche delle cicatrici corneali, che riducono l'acuità visiva, non sono state ben caratterizzate.

Si è determinato quali caratteristiche di una cicatrice corneale post-cheratite fungina contribuiscano a ridurre l'acuità visiva dopo un episodio di cheratite infettiva e si è valutato se eventuali caratteristiche corneali possano essere utilizzate come esiti per studi clinici.

In uno studio trasversale prospettico, un sottogruppo di partecipanti allo studio trattati per cheratite fungina ( n=71 ) nell'ambito dello studio MUTT I ( Mycotic Ulcer Treatment Trial I ) è stato sottoposto a esame della migliore acuità visiva corretta con occhiali ( BSCVA ) e a esame della migliore acuità visiva corretta con lenti a contatto, imaging di Scheimpflug e tomografia a coerenza ottica del segmento anteriore presso un ospedale di riferimento in India circa 2 anni dopo l'arruolamento.

Sono stati utilizzati modelli di regressione lineare per valutare l'importanza di varie caratteristiche corneali per BSCVA e per valutare se queste caratteristiche potessero essere utilizzate per differenziare i 2 bracci di trattamento dello studio MUTT I.

Sono stati esaminati 71 pazienti ( 42 uomini, 59.1%; età mediana, 48 anni ) a un tempo mediano di 1.8 anni dopo l'arruolamento.
La logMAR BSCVA media è stata pari a 0.17 ( equivalente di Snellen, 20/32 ).

Nei modelli di regressione lineare multivariabile, la BSCVA è stata maggiormente associata ad astigmatismo irregolare ( 1.0 linee di BSCVA peggiore per 1 linea di differenza tra BSCVA e acuità visiva con lenti a contatto ) e densità cicatriziale corneale ( 1.5 linee di visione peggiore per aumento di 10 unità della densità corneale centrale media ).

Il punto più sottile della cornea era la misura che meglio discriminava tra le ulcere trattate con Natamicina e Voriconazolo in MUTT I, con 29.3 microm in meno di assottigliamento negli occhi trattati con Natamicina.

Sia l'astigmatismo irregolare che la densità della cicatrice corneale possono essere importanti fattori di rischio per l'acuità visiva BSCVA in una popolazione con ulcere corneali fungine guarite, relativamente lievi.
Il punto più sottile della cicatrice corneale può essere un esito specifico della cornea che potrebbe essere utilizzato per valutare i trattamenti per le ulcere corneali. ( Xagena2020 )

Menda SA et al, JAMA Ophthalmol 2020; 138: 113-118

Oftalm2020 Inf2020



Indietro