Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Reumabase.it

Associazione tra sostituzione del cristallino per cataratta e ritmi circadiani, funzione cognitiva e sonno negli anziani


La cataratta è associata a un progressivo declino della trasmissione della luce a causa dell'opacizzazione e dell'ingiallimento del cristallino naturale.
Mentre gli effetti a valle dei cristallini che invecchiano includono disturbi a lungo termine dei ritmi circadiani, della funzione cognitiva e della regolazione del sonno, non è noto se vi sia una associazione tra sostituzione del cristallino intraoculare ( IOL ) per cataratta con ritmi circadiani, attività cognitiva e sonno.

Si è verificato se la sostituzione di IOL ( blocco della luce blu, BB, o blocco degli ultravioletti, UV ) nei pazienti più anziani con precedente cataratta sia associata ai benefici effetti della luce sul sistema circadiano, sulla attività cognitiva e sulla regolazione del sonno.

È stato condotto uno studio trasversale presso il Center for Chronobiology, Università di Basilea, in Svizzera, nel periodo 2012-2014.
Hanno partecipato 16 controlli sani più anziani e 13 pazienti con precedente cataratta e sostituzione di IOL senza farmaci e senza comorbilità mediche e del sonno.

I partecipanti sono stati esposti a 3 ore e mezza di adattamento al buio, seguite da 2 ore di esposizione a luce serale arricchita di blu ( 6.500 K ) o non-arricchita di blu ( 3.000 K e 2.500 K ), 30 minuti in penombra dopo l'esposizione alla luce, 8 ore di sonno e 2 ore di luce fioca mattutina dopo il sonno.

Sono stati misurati melatonina salivare, test cognitivi, struttura del sonno e attività elettroencefalografica per testare l'associazione tra lente intraoculare con marcatori di ritmicità circadiana, prestazioni cognitive e regolazione del sonno, rispettivamente.

I partecipanti hanno incluso 16 controlli sani più anziani con una media di 63.6 anni; 8 donne e 13 pazienti con precedente cataratta ( età media 69.9 anni; 10 donne ); 5 pazienti hanno avuto lente intraoculare per la protezione dell'ultravioletto e 8 lente intraoculare bloccante la luce blu.

I pazienti con cataratta e IOL precedenti avevano un aumento attenuato dei livelli di melatonina durante l'esposizione alla luce ( aumento medio nel gruppo BB [ blocco luce blu ]: 23.3%, e nel gruppo UV [ blocco ultravioletto ]: 19.1% ) rispetto ai controlli ( aumento medio, 48.8% ) ( differenza tra medie, 27.7; P minore di 0.001 ).

La funzione cognitiva, indicizzata per prestazione di attenzione prolungata, è migliorata nei pazienti con cristallino UV ( media, 276.9 millisecondi) rispetto ai pazienti con cristallino BB (media, 348.3 millisecondi) (differenza tra medie, 71.4; P=0.002) durante l'esposizione alla luce e la mattina dopo il sonno.

I pazienti con lente UV hanno avuto un aumento del sonno ad onde lente ( aumento medio, 13% ) rispetto ai controlli ( aumento medio, 5.2% ) ( percentuale del tempo totale di sonno; differenza tra medie, 7.9; P=0.02 ) e dell’attività a onde lente del movimento oculare non rapido frontale ( 0.75-4.5 Hz ) durante il primo ciclo del sonno ( media, 79.9 μV2/Hz ) rispetto ai pazienti con lente BB ( media, 53.2 μV2/Hz ) ( differenza tra medie, 26.7; P=0.03 ).

Questi risultati empirici in laboratorio hanno indicato che l'ottimizzazione della trasmissione spettrale del cristallino in pazienti con precedente cataratta può ridurre al minimo gli effetti avversi legati all'età su ritmi circadiani, cognizione e sonno. ( Xagena2019 )

Chellappa SL et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 878-885

Oftalm2019



Indietro