XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Bevacizumab rispetto a Ranibizumab intravitreali per la gestione dell’edema maculare diabetico


È stata confrontata in uno studio randomizzato prospettico l'acuità visiva e gli esiti della tomografia a coerenza ottica nel dominio spettrale ( SDOCT ) associati a Bevacizumab intravitreale ( IV ) vs Ranibizumab intravitreale ( Lucentis ) per la gestione dell'edema maculare diabetico ( DME ).

48 pazienti ( 63 occhi ) con edema maculare diabetico con coinvolgimento del Centro sono stati randomizzati a ricevere 1.5 mg ( 0.06 cc ) di Bevacizumab intravitreale o 0.5 mg ( 0.05 cc ) di Ranibizumab intravitreale al basale e mensilmente se lo spessore del sottocampo centrale era superiore a 275 micron.

45 pazienti ( 60 occhi ) hanno completato 48 settimane di follow-up.

Al basale, la migliore acuità visiva corretta media ( BCVA ) ( logMAR ) è stata pari a 0.60 ( 20/80 ) nel gruppo Bevacizumab intravitreale e 0.63 ( 20/85 ) nel gruppo Ranibizumab intravitreale.

Un significativo miglioramento nella migliore acuità visiva corretta media è stato osservato in entrambi i gruppi in tutte le visite di studio ( P minore di 0.05 ); questo miglioramento è risultato significativamente maggiore nel gruppo Ranibizumab intravitreale rispetto al gruppo Bevacizumab intravitreale a 8 settimane ( P=0.032 ) e a 32 settimane ( P=0.042 ).

Una riduzione significativa dello spessore medio del sottocampo centrale è stata osservata in entrambi i gruppi in tutte le visite di studio rispetto al basale ( P minore di 0.05 ), senza alcuna differenza significativa nella grandezza della riduzione dello spessore maculare tra gruppi.

Il numero medio di iniezioni è stato significativamente superiore ( P=0.005 ) nel gruppo con Bevacizumab intravitreale ( 9.84 ) rispetto al gruppo con Ranibizumab intravitreale ( 7.67 ).

In conclusione, Bevacizumab e Ranibizumab intravitreali sono associati a effetti simili sullo spessore del sottocampo centrale nei pazienti con edema maculare diabetico a 1 anno di follow-up.
Ranibizumab intravitreale è risultato associato a un miglioramento maggiore nella migliore acuità visiva corretta ad alcune visite di studio, e il numero medio di iniezioni è stato più alto nel gruppo con Bevacizumab intravitreale. ( Xagena2013 )

Nepomuceno AB et al, Am J Ophthalmol 2013; 156: 502-10.e2

Oftalm2013 Farma2013


Indietro