Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Doxiciclina versus placebo a 12 settimane nei pazienti con lieve oftalmopatia associata alla tiroide


L'oftalmopatia associata alla tiroide ( TAO ) lieve ha un impatto negativo sulla qualità di vita, ma non sono disponibili linee guida cliniche per il suo trattamento.
Le prove esistenti supportano l'uso della Doxiciclina nel trattamento della oftalmopatia associata alla tiroide lieve.

È stata valutata l'efficacia a breve termine ( 12 settimane ) della Doxiciclina nel trattamento della oftalmopatia associata alla tiroide lieve.

In uno studio multicentrico randomizzato in doppio cieco controllato con placebo, 148 pazienti sono stati valutati per l'idoneità.
Dopo le esclusioni ( pazienti che erano in gravidanza o in allattamento, avevano un'allergia alle tetracicline o avevano malattie sistemiche non-controllate ), 100 pazienti con oftalmopatia associata alla tiroide lieve ( tessuti molli orbitali colpiti lievemente ) in 5 centri in Cina sono stati arruolati dal 2013 al 2019 e sono stati monitorati per 12 settimane.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Doxiciclina 50 mg oppure placebo una volta al giorno per 12 settimane.

L'esito primario era il tasso di miglioramento a 12 settimane rispetto al basale valutato da un indicatore composito di apertura palpebrale ( riduzione maggiore o uguale a 2 mm ), proptosi ( riduzione maggiore o uguale a 2 mm ), motilità oculare ( aumento maggiore o uguale a 8 gradi ), e punteggio della scala della qualità di vita specifica per l'oftalmopatia di Graves ( GO-QOL ) ( aumento di 6 o più punti ).
Sono stati registrati gli eventi avversi.

In totale 50 partecipanti sono stati assegnati alla Doxiciclina e 50 al placebo. L'età media era di 36.7 anni; 75 partecipanti ( 75.0% ) erano donne e 100 ( 100.0% ) erano asiatici.
La compliance terapeutica è stata verificata durante le interviste ai partecipanti e contando le compresse in eccesso.

Alla settimana 12, il tasso di miglioramento è stato del 38.0% nel gruppo Doxiciclina e del 16.0% ( 8 su 50 ) nel gruppo placebo ( differenza, 22.0%; P=0.01  ) nella popolazione intent-to-treat.

L'analisi di sensibilità per protocollo ha mostrato risultati simili ( 39.6%, 19 su 48, vs 16.0%, 8 su 50; differenza, 23.6%; P=0.009 ).

Nessun evento avverso diverso da 1 caso di lieve rigurgito acido gastrico è stato registrato in entrambi i gruppi.

I risultati di questo studio hanno indicato che la Doxiciclina orale, 50 mg al giorno, ha determinato un miglioramento maggiore dei sintomi correlati alla oftalmopatia associata alla tiroide a 12 settimane rispetto al placebo nei pazienti con oftalmopatia lieve associata alla tiroide.

Questi risultati supportano l'impiego della Doxiciclina nella oftalmopatia associata alla tiroide lieve, ma le conslusioni devono essere confermate da studi con follow-up più lungo e con più ampia dimensione della coorte. ( Xagena2022 )

Pan Y et al, JAMA Ophthalmol 2022; 140: 1076-1083

Oftalm2022 Endo2022 Farma2022



Indietro