Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Xagena Salute

Effetto della cheratoplastica endoteliale unilaterale sugli esiti della qualità di vita legati alla visione nello studio DETECT


La qualità di vita correlata alla visione può essere un esito prezioso per alcuni interventi in oftalmologia.
Nello studio DETECT ( Descemet Endothelial Thickness Comparison Trial ), la cheratoplastica endoteliale a membrana di Descemet ( DMEK ) presentava un'acuità visiva postoperatoria superiore rispetto alla cheratoplastica endoteliale automatizzata con stripping ultrasottile di Descemet ( UT-DSAEK ).
Si è determinato se questa tendenza sia estesa alla qualità di vita analizzando l'effetto di UT-DSAEK e DMEK sulla qualità di vita correlata alla visione.

Un'analisi secondaria prespecificata di uno studio clinico randomizzato è stata condotta presso il Casey Eye Institute di Portland, nell'Oregon, e il Byers Eye Institute di Palo Alto, in California.
Lo studio è stato effettuato nel periodo 2015-2017.

DETECT ha arruolato 38 individui e ha incluso 50 occhi con disfunzione endoteliale isolata; per questa analisi, il secondo occhio di un singolo partecipante è stato escluso insieme ad eventuali questionari nel primo occhio dopo un secondo intervento chirurgico per la valutazione di 38 occhi al basale e a 3 mesi, e 26 occhi a 12 mesi.

L'acuità visiva basale media era di 0.35 logMAR nel braccio DMEK e di 0.28 logMAR nel braccio UT-DSAEK.
Ogni braccio era composto da 19 partecipanti: 18 soggetti con distrofia di Fuchs e 1 partecipante con cheratopatia bollosa pseudofachica.
Gli occhi dello studio sono stati randomizzati per essere sottoposti a UT-DSAEK o DMEK.

Gli esiti principali erano le risposte al questionario VFQ-39 ( Visual Function Questionnaire-39 ) del National Eye Institute ( NEI ), somministrato al basale e 3 e 12 mesi dopo l'intervento, analizzate utilizzando le sottoscale tradizionali definite dal NEI e il punteggio composito su una scala di 100 punti e con un'analisi rifinita di Rasch.

Ci sono state più donne in entrambi i rami dello studio ( UT-DSAEK, 12, 63%; DMEK, 11, 58% ); l'età media era di 68 anni nel braccio UT-DSAEK e di 68 anni nel braccio DMEK.

Complessivamente, i partecipanti allo studio hanno riscontrato un miglioramento di 9.1 punti nel punteggio composito NEI VFQ-39 a 3 mesi rispetto al basale ( n=38; P minore di 0.001 ) e un miglioramento di 11.6 punti a 12 mesi rispetto al basale ( n=26; P minore di 0.001 ).

Gli occhi randomizzati a DMEK hanno mostrato un miglioramento di 0.9 punti in più nel punteggio composito NEI VFQ-39 a 3 mesi rispetto a UT-DSAEK dopo il controllo per NEI VFQ-39 basale ( P=0.80 ).

Il miglioramento della qualità di vita correlata alla visione non è risultato maggiore con DMEK rispetto a UT-DSAEK. ( Xagena2019 )

Ang MJ et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 747-754

Oftalm2019 Chiru2019



Indietro