Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Cardiobase

Efficacia e sicurezza della terapia genica retinica utilizzando un vettore adenovirus-associato per pazienti con coroideremia


La coroideremia è una rara malattia genetica degenerativa della retina derivante dalla mutazione del gene CHM, che porta all'assenza della proteina REP1 ( ras-associated binding escort protein 1 ).
Al momento non esiste un trattamento approvato per la coroideremia.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia della terapia genica retinica con un vettore adenovirus-associato ( AAV2 ) progettato per fornire una versione funzionale del gene CHM ( AAV2-REP1 ) per il trattamento dei pazienti con coroideremia.

THOR ( Tübingen Choroideremia Gene Therapy ) era uno studio clinico randomizzato in aperto, in un singolo Centro, di fase 2.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2016-2018.
Sono stati riportati i dati a 24 mesi per 6 uomini con una diagnosi molecolare confermata di coroideremia.

I pazienti hanno ricevuto AAV2-REP1 con una singola iniezione subretinica di 0.1 ml di 1011 particelle di genoma durante la vitrectomia in un occhio assegnato casualmente a ricevere il trattamento.

L'endpoint primario era la variazione della massima acuità visiva corretta ( BCVA ) sulla tabella ETDRS ( Early Treatment Diabetic Retinopathy Study ) dal basale al mese 24 nell'occhio trattato rispetto all'occhio di controllo.
Gli endpoint secondari includevano variabili di microperimetria, variazione dell'autofluorescenza del fondo e valutazioni di tomografia ottica computerizzata a dominio spettrale dal basale al mese 24 nell'occhio trattato rispetto all'occhio di controllo.

All'arruolamento, l'età media dei 6 uomini inclusi nello studio era di 54.9 anni. Il punteggio medio BCVA era di 60.3 ( circa 20/63 equivalenti di Snellen ) negli occhi di studio e 69.3 ( circa 20/40 equivalenti di Snellen ) negli occhi di controllo.

A 24 mesi, la variazione di BCVA è stata di 3.7 negli occhi trattati e 0.0 negli occhi di controllo ( differenza, 3.7; P=0.43 ).

La variazione media della sensibilità della retina era 10.3 dB negli occhi trattati e 9.7 dB negli occhi di controllo ( differenza, 0.6; P=0.74 ).

Sono stati segnalati in totale 28 eventi avversi; tutti erano coerenti con la procedura chirurgica ( iperemia congiuntivale, sensazione di corpo estraneo ) e nessuno è stato considerato grave.

Tra i 6 partecipanti, la terapia genica con AAV2-REP1 è stata associata al mantenimento o al miglioramento dell'acuità visiva, sebbene non sia stata riscontrata alcuna differenza significativa dagli occhi di controllo.
Tutti i problemi di sicurezza sono stati associati alla procedura chirurgica e nessuno è stato giudicato grave.
Indagini continue potrebbero definire più precisamente l'efficacia e la sicurezza della terapia genica con AAV2-REP1 nella coroideremia. ( Xagena2019 )

Fischer MD et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 1247-1254

Oftalm2019 Med2019 MalRar2019



Indietro