Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Pneumobase.it

Esiti a 12 mesi dopo modifica del trattamento al mese 6 tra i responder scarsi ad Aflibercept o Bevacizumab negli occhi con edema maculare secondario a occlusione della vena centrale o emiretinica: analisi secondaria dello studio SCORE2


Sono necessarie informazioni per valutare la commutazione del trattamento negli occhi con una scarsa risposta a 6 mesi di somministrazione mensile di Aflibercept ( Eylea ) o Bevacizumab per edema maculare da occlusione venosa centrale ( CRVO ) o occlusione venosa emiretinica ( HRVO ).

Sono stati esaminati il punteggio di acuità visiva delle lettere ( VALS ) e le variazioni nello spessore del sottocampo centrale ( CST ) dal mese 6 al mese 12 negli occhi con una scarsa risposta al mese 6 alla dose mensile di Aflibercept o Bevacizumab nello studio SCORE2 ( Study of Comparative Treatments for Retinal Vein Occlusion 2 ).

Questa analisi secondaria di SCORE2 è stata condotta presso 66 studi privati ​​o centri accademici negli Stati Uniti, e ha riguardato 49 pazienti ( 1 occhio per ciascun paziente valutato ) con edema maculare associato a CRVO o HRVO, e una scarsa risposta definita dal protocollo al trattamento con Aflibercept o Bevacizumab al mese 6.

Il trattamento negli occhi curati con Aflibercept mensile è passato a un impianto di Desametasone al mese 6 e, se necessario, ai mesi 9, 10 o 11.
Il trattamento negli occhi curati con Bevacizumab mensile è passato ad Aflibercept ai mesi 6, 7 e 8 e quindi a un regime di trattamento e prolungamento di Aflibercept fino al mese 12.

L’esito principale era un cambiamento dal mese 6 al mese 12 in VALS e CST.

Dei 49 partecipanti al mese 6, il trattamento con Aflibercept è fallito in 14 ( 6 donne, 43%; età media 70.4 anni ).
Il trattamento con Bevacizumab è fallito in 35 pazienti ( 16 donne, 46%; età media, 70.0 anni ).

In 14 occhi con trattamento passato da Aflibercept a Desametasone, la variazione media stimata dal mese 6 al 12 in VALS era 2.63 ( P=0.37 ) e 46.0 microm ( P=0.46 ) per CST.

In 35 occhi con trattamento passato da Bevacizumab ad Aflibercept, la variazione media stimata da VALS dal mese 6 al mese 12 era di 10.27 ( P minore di 0.001 ) e -125.4 microm ( P minore di 0.001 ) per CST.

Gli occhi trattati con Aflibercept dopo una scarsa risposta a Bevacizumab hanno mostrato un miglioramento del punteggio di acuità visiva delle lettere e dello spessore del sottocampo centrale.
Pochi occhi hanno avuto una scarsa risposta ad Aflibercept, e quindi pochi occhi sono passati a Desametasone.
È necessaria cautela nell'interpretazione di questi risultati a causa del piccolo numero di occhi e della mancanza di gruppi di confronto.
Questi fattori precludono la valutazione definitiva del fatto che la strategia con cambio del farmaco sia superiore al mantenimento del trattamento. ( Xagena2019 )

Ip MS et al, JAMA Ophthalmol 2019; 137: 281-287

Oftalm2019 Farma2019


Indietro