Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Eventi avversi gravi degli inibitori orali e topici dell'anidrasi carbonica


Alcuni oftalmologi possono essere riluttanti a prescrivere inibitori dell'anidrasi carbonica per via orale, data la possibilità di reazioni avverse sistemiche pericolose per la vita.
È stata condotta un'analisi basata sulla popolazione della sicurezza degli inibitori orali o topici dell'anidrasi carbonica nell'assistenza clinica.

Uno studio di coorte longitudinale abbinato è stato effettuato in Ontario, Canada.
Sono stati identificati pazienti consecutivi di età superiore a 65 anni a cui è stato prescritto un inibitore orale o topico dell'anidrasi carbonica in Ontario, Canada, tra gennaio 1995 e gennaio 2020.
I pazienti sono stati abbinati in base all'età, al sesso e allo stato del diabete.
Il tempo zero è stato definito come la data della prima prescrizione identificata per il farmaco e l'analisi primaria si è concentrata sui primi 120 giorni di follow-up.

L'endpoint primario era un evento avverso grave e complicato di sindrome di Stevens-Johnson, necrolisi epidermica tossica o anemia aplastica.

Complessivamente, 128.942 pazienti abbinati hanno iniziato ad assumere un inibitore dell'anidrasi carbonica orale o topico durante il periodo di studio di 25 anni.
L'età media era di 75 anni, 71.958 ( 55.8% ) erano donne e 25.058 ( 19.4% ) avevano una diagnosi di diabete.
I gruppi di inibitori dell'anidrasi carbonica orale e topica avevano dati demografici di base simili.

I pazienti a cui era stato prescritto un inibitore dell'anidrasi carbonica per via orale avevano un rischio assoluto di un evento avverso grave complicato di 2.90 per 1.000 pazienti, mentre i pazienti a cui era stato prescritto un inibitore dell'anidrasi carbonica per uso topico avevano un rischio assoluto di 2.08 per 1.000 pazienti.
Questa differenza era equivalente a un risk ratio ( RR ) di 1.40, con un numero necessario per nuocere ( NNH ) di 1 su 1.220 pazienti ( P=0.003 ).

Questo rischio generalmente basso è stato replicato nella regressione multivariata controllando i fattori di confondimento.
Ulteriori fattori di rischio per un evento avverso grave complicato includevano pazienti con più comorbilità e quelli con contatti clinici più frequenti.

Il rischio di una reazione avversa grave in seguito alla prescrizione di un inibitore orale o topico dell'anidrasi carbonica è stato basso e simile tra gli agenti.
Dato il basso rischio di reazioni avverse gravi, questa analisi a livello di popolazione supporta la riconsiderazione della riluttanza a prescrivere un inibitore orale dell'anidrasi carbonica. ( Xagena2022 )

Popovic MM et al, JAMA Ophthalmol 2022; 140: 235-242

Oftalm2022 Cardio2022 Farma2022


Indietro