XagenaNewsletter
Dermabase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Impatto della adesione vitreomaculare sulla monoterapia e sulla terapia di combinazione con Ranibizumab per degenerazione maculare neovascolare senile


È stata studiata l'influenza della adesione vitreomaculare sulla efficacia di Ranibizumab ( Lucentis ), somministrato quando necessario in ionoterapia, e della terapia di combinazione con la terapia fotodinamica con Verteporfina ( PDT; Visudyne ) per la degenerazione maculare neovascolare legata all'età.

Una analisi post hoc di dati di studi clinici prospettici randomizzati multicentrici di 12 mesi ha coinvolto in totale 255 pazienti naïve al trattamento con neovascolarizzazione coroidale subfoveale.

È stata effettuata la valutazione della interfaccia vitreomaculare con una tomografia a coerenza ottica mensile con la divisione dei pazienti nelle seguenti categorie in base a una classificazione continua in 1 anno: distacco posteriore del vitreo ( n=154 ), rilascio dinamico della adesione vitreomaculare ( n=32 ), adesione vitreomaculare stabile ( n=51 ).

Le principali misure di esito erano la migliore acuità visiva corretta media ( BCVA ) e le variazioni di spessore della retina centrale a 12 mesi nei gruppi di interfaccia vitreomaculare.

I cambiamenti medi di BCVA al mese 12 sono stati +3.5 ( distacco posteriore del vitreo ), +4.3 ( rilascio della adesione vitreomaculare ) e +6.3 ( adesione vitreomaculare ) nei pazienti trattati con monoterapia ( P=0.767 ) e +0.1 ( distacco posteriore del vitreo ), +6.6 ( rilascio di adesione vitreomaculare ) e +9,2 ( adesione vitreo maculare ) nei pazienti trattati con la terapia di combinazione ( P=0.009 ).

I cambiamenti medi dello spessore centrale della retina sono stati -113 micron ( distacco posteriore del vitreo ), -89 micron ( rilascio della adesione vitreomaculare ) e -122 micron ( adesione vitreomaculare ) in monoterapia ( P=0.725 ) e -121 micron ( distacco posteriore del vitreo ), -113 micron ( rilascio della adesione vitreomaculare ) e -113 micron ( adesione vitreomaculare ) nella terapia di combinazione ( P=0.924 ).

I ritrattamenti medi con Ranibizumab durante i 12 mesi sono stati 4.9 ( distacco posteriore del vitreo ), 6.6 ( rilascio della adesione vitreomaculare ) e 5.3 ( adesione vitreo maculare ) in monoterapia ( P=0.018 ) e 4.7 ( distacco posteriore del vitreo ), 5.2 ( rilascio della adesione vitreomaculare ) e 5.8 ( adesione vitreomaculare ) nella terapia di combinazione ( P=0.942 ).

In conclusione, questo studio aggiunge evidenza che lo stato dell’interfaccia vitreomaculare influenza gli esiti e le esigenze funzionali di ritrattamento.
I pazienti con distacco posteriore del vitreo hanno ottenuto risultati accettabili con un minor numero di iniezioni in monoterapia, ma hanno perso un potenziale guadagno di visione con la terapia fotodinamica con Verteporfina.
I pazienti con altre configurazioni di interfaccia vitreomaculare possono potenzialmente conseguire esiti di visione ottimizzati tramite la combinazione di trattamento antiangiogenico e terapia fotodinamica con Verteporfina vaso-occlusiva. ( Xagena2014 )

Waldstein SM et al, Am J Ophthalmology 2014;158:328-336.e1

Oftalm2014 Farma2014


Indietro