Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Osteoma della coroide: crescita tumorale, decalcificazione tumorale, neovascolarizzazione coroidea ed outcome visivo


Ricercatori del Wills Eye Hospital di Filadelfia ( Usa ) hanno valutato la crescita tumorale, la decalcificazione tumorale, la neovascolarizzazione coroidea, la perdita dell’acuità visiva e la scarsa acuità visiva nei pazienti con osteoma della coroide.

Lo studio retrospettivo ha riguardato 74 occhi di 61 pazienti, esaminati tra il gennaio 1977 ed il gennaio 2003.

A 5 e a 10 anni, l’analisi di Kaplan-Meir ha evidenziato una crescita tumorale nel 22% e nel 51% degli occhi, una decalcificazione tumorale nel 28% e nel 46% degli occhi, una neovascolarizzazione coroidea nel 31% e nel 31% degli occhi, una perdita dell’acuità visiva nel 26% e nel 45%, una scarsa acuità visiva nel 45% e nel 56% degli occhi, rispettivamente.

Dei 15 tumori che hanno mostrato parziale decalcificazione, alla prima visita, non è stata osservata in nessun caso ulteriore crescita tumorale.

Dei rimanenti 12 tumori che in un secondo tempo hanno sviluppato decalcificazione, la crescita tumorale, nel caso in cui si fosse presentata, era lungo il margine opposto alla decalcificazione.

Non c’è stata alcuna crescita tumorale nell’area di decalcificazione.

Fattori predittivi di neovascolarizzazione coroidea sono risultati: la superficie irregolare del tumore e l’emorragia subretinica.

In 6 occhi, nei quali era presente sia la neovascolarizzazione coroidea che la decalcificazione tumorale, la neovascolarizzazione è stata individuata prima o nello stesso momento della decalcificazione.

Il fattore predittivo della perdita dell’acuità visiva era la presenza di liquido subretinico, mentre i fattori predittivi di scarsa acuità visiva comprendevano sintomi e decalcificazione tumorale.

Un confronto tra gli occhi con osteoma della coroide sub-foveale ed extra-foveale ha mostrato una scarsa acuità visiva nel 34% ( 15/44 ) e nel 10% ( 3/30 ) degli occhi, rispettivamente.

Occhi con osteoma della coroide decalcificato hanno manifestato una scarsa acuità visiva nel 48% ( 13/27 ) degli occhi, mentre quelli con tumori non-decalcificati hanno presentato una scarsa acuità visiva nell’11% degli occhi.

Lo studio ha dimostrato che l’osteoma della coroide va incontro a crescita nel 51% degli occhi e a decalcificazione in circa il 50% degli occhi a 10 anni.
I tumori con decalcificazione alla visita iniziale non hanno presentato ulteriore crescita tumorale.
Una ridotta acuità visiva di 20/200 o valori peggiori è stata trovata nel 56% degli occhi a 10 anni. ( Xagena2005 )

Shields CL et al, Arch Ophthalmol 2005; 123: 1658-1666


Oftalm2005


Indietro