Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Pegcetacoplan per il trattamento dell'atrofia geografica secondaria alla degenerazione maculare legata all'età: studi OAKS e DERBY


L’atrofia geografica è una delle principali cause di perdita della vista, progressiva e irreversibile.
Gli obiettivi degli studi OAKS e DERBY erano valutare l'efficacia e la sicurezza di Pegcetacoplan ( Syfovre ) rispetto al trattamento simulato nei pazienti con atrofia geografica.

OAKS e DERBY erano due studi di 24 mesi, multicentrici, randomizzati, in doppio cieco, controllati con procedura simulata, di fase 3, in cui i pazienti di età pari o superiore a 60 anni affetti da atrofia geografica secondaria alla degenerazione maculare legata all'età sono stati arruolati in 110 centri clinici e in 122 centri clinici in tutto il mondo, rispettivamente.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 15 mg per 0.1 ml di Pegcetacoplan mensile o ogni due mesi per via intravitreale, o simulazione mensile o ogni due mesi, utilizzando una randomizzazione stratificata per area di lesione della atrofia geografica allo screening e storia o presenza di neovascolarizzazione coroideale attiva nell'occhio non in fase di valutazione.

Il personale del sito di studio, i pazienti, i medici e i valutatori erano all'oscuro dell'assegnazione del gruppo.
I gruppi con simulazione sono stati raggruppati per le analisi.

L'endpoint primario era il cambiamento dal basale al mese 12 nell'area totale delle lesioni di atrofia geografica nell'occhio dello studio in base all’imaging di autofluorescenza del fondo, nella popolazione intention-to-treat modificata ( mITT ) ( tutti i pazienti che avevano ricevuto una o più iniezioni di Pegcetacoplan o iniezione simulata e avevano un valore basale e almeno un valore post-basale dell’area della lesione ).

Gli endpoint secondari chiave misurati a 24 mesi erano cambiamenti nella velocità massima di lettura monoculare dell'occhio di studio, cambiamenti rispetto al basale nel punteggio medio dell'indice di indipendenza della lettura funzionale, variazione rispetto al basale nel punteggio di miglior acuità visiva corretta ( BCVA ) per la luminanza normale e variazione media rispetto al basale della sensibilità di soglia di tutti i punti nell'occhio di studio mediante microperimetria mesopica ( soltanto lo studio OAKS ).

Le analisi sulla sicurezza hanno incluso pazienti che sono stati assegnati in modo casuale e hanno ricevuto almeno un'iniezione di Pegcetacoplan o una iniezione simulata.

Nel periodo 2018-2020, 1.258 pazienti sono stati arruolati negli studi OAKS e DERBY.
Le popolazioni mITT comprendevano 614 pazienti su 637 ( 96% ) in OAKS ( 202 trattate con Pegcetacoplan mensilmente, 205 con Pegcetacoplan ogni due mesi e 207 con simulazione ) e 597 pazienti su 621 ( 96% ) nello studio DERBY ( 201 trattati con Pegcetacoplan mensilmente, 201 con Pegcetacoplan ogni due mesi e 195 con simulazione ).

In OAKS, Pegcetacoplan mensile e Pegcetacoplan ogni due mesi hanno rallentato significativamente la crescita della lesione di atrofia geografica del 21% ( differenza assoluta nella media dei minimi quadrati -0.41 mm2; P=0.0004 ) e 16% ( -0.32 mm2; P=0.0055 ), rispettivamente, rispetto alla simulazione a 12 mesi.

In DERBY, Pegcetacoplan mensilmente e Pegcetacoplan ogni due mesi hanno rallentato la crescita della lesione di atrofia geografica, anche se non hanno raggiunto la significatività, del 12% ( -0.23 mm2; P=0.062 ) e 11% ( -0.21 mm2; P=0.085 ), rispettivamente, versus simulazione a 12 mesi.

A 24 mesi, Pegcetacoplan mensile e Pegcetacoplan ogni due mesi hanno rallentato la crescita della lesione di atrofia geografica del 22% ( -0.90 mm2; P minore di 0.0001 ) e del 18% ( -0.74 mm2; P=0.0002 ) in OAKS, e del 19% ( -0.75 mm2; P=0.0004 ) e 16% ( -0.63 mm2; P=0.0030 ) in DERBY, rispettivamente, rispetto alla simulazione.

Non c’è stata alcuna differenza negli endpoint chiave secondari della funzione visiva a 24 mesi.
Gravi eventi avversi oculari emergenti dal trattamento sono stati segnalati in 5 su 213 ( 2% ), 4 su 212 ( 2% ) e 1 su 211 ( inferiore a 1% ) pazienti nello studio OAKS, e in 4 su 206 ( 2% ), 2 su 208 ( 1% ) e 2 su 206 ( 1% ) pazienti nello studio DERBY trattati con Pegcetacoplan mensile, Pegcetacoplan ogni due mesi e simulazione, rispettivamente, a 24 mesi.

La degenerazione maculare essudativa legata all'età di nuova insorgenza è stata segnalata in 24 ( 11% ), 16 ( 8% ) e 4 ( 2% ) pazienti in OAKS e in 27 ( 13% ), 12 ( 6% ) e 9 ( 4% ) pazienti in DERBY trattati con Pegcetacoplan mensile, Pegcetacoplan ogni due mesi e simulazione, rispettivamente, a 24 mesi.
Pegcetacoplan, il primo trattamento approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense per l'atrofia geografica, ha rallentato la crescita della lesione dell'atrofia geografica con un profilo di sicurezza accettabile. ( Xagena2023 )

Heier JS et al, Lancet 2023; 402: 1434-1448

Oftalm2023 Farma2023



Indietro