Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Onco News

Terapia fotodinamica a dose dimezzata rispetto al trattamento con laser microimpulsato sottosoglia ad alta densità nei pazienti con corioretinopatia sierosa centrale cronica


Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza anatomiche e funzionali della terapia fotodinamica a dose dimezzata ( PDT) rispetto al trattamento con laser microimpulsato sottosoglia ad alta densità ( HSML ) nei pazienti con corioretinopatia sierosa centrale cronica ( cCSC ) nello studio clinico controllato, multicentrico, randomizzato in aperto PLACE.

I partecipanti allo studio erano pazienti con corioretinopatia sierosa centrale cronica la cui malattia doveva essere confermata da caratteristiche cliniche e dai risultati ottenuti con l'imaging multimodale.
Il trattamento è stato valutato durante una visita di follow-up e lo stesso trattamento è stato ripetuto nei pazienti che dimostravano ancora liquido sottoretinico ( SRF ).

L'endpoint primario era la completa scomparsa di liquido sottoretinico alla prima visita di valutazione dalle 6 alle 8 settimane dopo il trattamento.
Come misura di esito secondario, questo risultato anatomico era preso in esame alla visita di valutazione finale 7-8 mesi dopo il trattamento.
Altri esiti secondari hanno riguardato il miglioramento funzionale e hanno incluso il cambiamento nell'acuità visiva corretta ( BCVA, misurato in lettere ETDRS [ Early Treatment Diabetic Retinopathy Study ] ), la sensibilità retinica ( misurata mediante microperimetria ) e la qualità di vita correlata alla visione utilizzando un questionario validato.

Tra il 2013 e il 2016 sono stati inclusi 179 pazienti: 89 pazienti sono stati assegnati casualmente a terapia fotodinamica a metà dose e 90 sono stati assegnati casualmente a un trattamento con laser microimpulsato sottosoglia ad alta densità.

Alla prima visita di valutazione, la presenza di liquido sottoretinico si è risolta nel 51.2% e nel 13.8% dei pazienti, rispettivamente ( P minore di 0.001 ).

Alla visita di valutazione finale, una percentuale significativamente più elevata di pazienti trattati con terapia fotodinamica non ha dimostrato alcun liquido sottoretinico ( 67.2% vs 28.8%; P minore di 0.001 ).

Inoltre, alla prima visita di valutazione, i pazienti trattati con terapia fotodinamica hanno mostrato un aumento significativamente più elevato di BCVA ( + 4.60 lettere ETDRS rispetto a +1.39 lettere ETDRS, P=0.011 ) e un aumento significativamente maggiore della sensibilità della retina sulla microperimetria ( +2.01 dB vs +0.92 dB; P=0.046 ); tuttavia, il miglioramento della qualità di vita correlata alla vista è stato simile ( punteggio di +2.87 vs +2.56, rispettivamente, P=0.800 ).

In conclusione, la terapia fotodinamica a dosaggio dimezzato è risultata superiore a trattamento con laser microimpulsato sottosoglia ad alta densità per il trattamento della corioretinopatia sierosa centrale cronica, portando a una percentuale significativamente maggiore di pazienti con completa risoluzione del liquido sottoretinico e miglioramento funzionale. ( Xagena2018 )

van Dijk EHC et al, Ophtalmology 2018; 125: 1547-1555

Oftalm2018



Indietro