XagenaNewsletter
Dermabase.it
Medical Meeting
Xagena Mappa

Uveite non-infettiva richiedente terapia immunosoppressiva con risparmio di steroidi: efficacia e la sicurezza di Secukinumab per via endovenosa


Secukinumab, un anticorpo monoclonale anti-interleuchina-17A ( anti-IL-17A ) completamente umano, ha mostrato una promettente attività in uno studio proof-of-concept, quando somministrato per via endovenosa ( IV ) a pazienti con uveite non-infettiva cronica, attiva.

Uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, dose-ranging, di fase 2, ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di diversi dosi per via endovenosa e sottocutanea di Secukinumab in pazienti con uveite non-infettiva.

Trentasette pazienti con uveite intermedia non-infettiva attiva, uveite posteriore, o panuveite che richiedevano terapia immunosoppressiva con risparmio di corticosteroidi.

I pazienti sono stati randomizzati a Secukinumab 300 mg per via sottocutanea ogni 2 settimane per 4 dosi, Secukinumab 10 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane per 4 dosi, o Secukinumab 30 mg/kg per via endovenosa ogni 4 settimane per 2 dosi.
Una soluzione salina per via endovenosa o per via sottocutanea è stata somministrata per mantenere il mascheramento.

L'efficacia è stata valutata al giorno 57 ( 2-4 settimane dopo l'ultima dose ).

La percentuale di pazienti con risposta al trattamento è stata definita come (1) riduzione di almeno 2-gradi nel punteggio di opacità del corpo vitreo o tracce o assenza di opacità del corpo vitreo nell'occhio studiato senza un aumento della dose di corticosteroidi e senza peggioramento della uveite, oppure (2) riduzione del dosaggio di corticosteroidi a livelli pre-specificati, senza peggioramento della uveite.

La percentuale dei pazienti con remissione è stata definita come cellule nella camera anteriore e punteggi di opacità del corpo vitreo di 0 o 0.5+ in entrambi gli occhi senza terapia con corticosteroidi o peggioramento della uveite.

Secukinumab 30 mg/kg per via endovenosa e Secukinumab 10 mg/kg per via endovenosa, rispetto alla dose di 300 mg per via sottocutanea, hanno prodotto più alti tassi di risposta ( rispettivamente, 72.7% e 61.5% vs 33.3% ) e tassi di remissione ( rispettivamente, 27.3% e 38.5% vs 16.7 % ).

La superiorità statistica e clinica per la dose endovenosa di 30 mg/kg rispetto alla dose di 300 mg per via sottocutanea è stata stabilita in un modello di probabilità bayesiana.

Altre misure, compreso il tempo di insorgenza della risposta, il cambiamento nella acuità visiva, e il cambiamento nel punteggio di opacità del corpo vitreo, hanno mostrato un trend numerico che ha favorito il dosaggio per via endovenosa.

Secukinumab, somministrato per via endovenosa o per via sottocutanea, è apparso sicuro ed è stato ben tollerato.

In conclusione, Secukinumab per via endovenosa è risultato efficace e ben tollerato nella uveite non-infettiva che richiede una terapia immunosoppressiva sistemica a risparmio di corticosteroidi.
La maggiore attività della somministrazione per via endovenosa suggerisce che la somministrazione per via sottocutanea non è in grado di garantire concentrazioni efficaci. ( Xagena2015 )

Letko E et al, Ophthalmology 2015; Epub ahead of print

Oftalm2015 Farma2015


Indietro